Il complesso monumentale di Caserta, creato dal re borbone Carlo III a metà del XVIII secolo per rivaleggiare con Versailles e il palazzo reale di Madrid, è eccezionale per il modo in cui riunisce un magnifico palazzo con il suo parco e giardini, e come boschi naturali, capanne di caccia e una fabbrica di seta. È un'espressione eloquente dell'Illuminismo in forma materiale, integrato in, piuttosto che imposto, il suo ambiente naturale.

Il Brunello di Montalcino è un vino rosso italiano prodotto nei vigneti che circondano la città di Montalcino, situato a circa 120 km a sud di Firenze, nella regione vinicola della Toscana. Brunello, un diminutivo di Bruno, un nome maschile che significa marrone, è il nome che è stato dato localmente a quello che si credeva essere un singolo vitigno coltivato a Montalcino. Nel 1879 la Commissione anfelografica della Provincia di Siena determinò, dopo alcuni anni di esperimenti controllati, che il Sangiovese e il Brunello erano la stessa varietà di uva e che il primo doveva essere il nome designato. A Montalcino il nome Brunello si è evoluto nella denominazione del vino prodotto con il 100% di Sangiovese. Nel 1980, Brunello di Montalcino ha ottenuto la prima Denominazione di Origine Controllata e Garantita (DOCG) e oggi è uno dei vini più noti e costosi d'Italia.

 

Situata nell'Italia settentrionale, la Provincia di Rimini si trova nella zona sud-orientale dell'Emilia Romagna.
Ben attrezzate località balneari, borghi e villaggi ricchi di arte e storia, dolci colline a due passi dall'acqua, una tradizione artigianale unica e - non si deve dimenticare - una cucina di alta qualità e prodotti gastronomici sono gli elementi che hanno reso la Riviera di Rimini uno dei luoghi di vacanza più frequentati d'Europa per oltre 160 anni.
Il segreto di un successo così duraturo? Non solo la cordialità e l'ospitalità degli abitanti della zona, ma anche la bellezza del paesaggio, la cultura e le offerte di intrattenimento e un pregiato patrimonio storico-artistico.